Explore all of ul.com

Mercati

Europa

Il 5 marzo 2020 la Commissione Europea (CE) ha presentato una notifica all’Organizzazione Mondiale del Commercio relativa alle modifiche e alle correzioni proposte al Regolamento (UE) n. 10/2011 sulle materie plastiche e sugli articoli destinati a venire a contatto con gli alimenti.

Tale progetto di regolamento modifica l’allegato I del regolamento (UE) n. 10/2011 e aggiunge quanto segue all’elenco delle sostanze autorizzate che possono essere utilizzate nella fabbricazione di strati di plastica nei materiali e negli articoli di plastica:

  • Argilla montmorillonite modificata con bromuro di ammonio esadeciltrimetilico
  • Acido fosforoso, estere trifenilico, polimero con alfa-idroomegaidrossipoli[ossi(metil‑1,2‑etandiile)], C10-16 estere alchilico
  • Biossido di titanio trattato in superficie con allumina modificata al fluoro.

Inoltre, autorizza “tutti i sali di sostanze per le quali è permesso l’impiego come riportato nella colonna 2 della tabella 1 dell’allegato II di acidi, fenoli o alcoli autorizzati e soggetti alle restrizioni di cui alle colonne 3 e 4 di tale tabella”, fatte salve le norme degli articoli 8, 9, 10, 11 e 12 del regolamento.

L’allegato II è completamente modificato e specifica i limiti di migrazione per un maggior numero di sostanze che possono migrare da materiali e oggetti di plastica, compresi il piombo, il cadmio e il mercurio, di cui non ci devono essere tracce.

Altre modifiche riguardano i limiti di rilevamento più bassi per alcune ammine aromatiche primarie, il punto 6 dell’allegato IV, le nuove regole per i test per le apparecchiature e gli strumenti per la lavorazione degli alimenti, una nuova condizione per i test standard per la migrazione globale e le correzioni alla formulazione relativa al test di migrazione.

Le modifiche e le correzioni dovrebbero essere adottate entro giugno 2020.

Fonte

Condividi